[et_pb_post_title meta=”off” featured_image=”off” text_orientation=”center” title_font_size=”40px” saved_tabs=”all”][/et_pb_post_title][et_pb_text]

Il peeling è una procedura mediante la quale attraverso l’applicazione cutanea di sostanze chimiche si ottiene un’esfoliazione degli strati più superficiali della cute ripristinando la luminosità di una cute giovane. Il principio attivo dei peeling oltre ad un azione esfoliante ha anche un azione biostimolante sulle cellule del derma. I peeling possono agire a diverse profondità a seconda del tipo di cute e soprattutto di inestetismo da trattare. Pertanto vengono classificati in superficiali, medi e profondi. I primi hanno effetti meno evidenti ma non influiscono sulla socializzazione del paziente, mentre gli ultimi sono molto più aggressivi, vengono utilizzati in caso di danneggiamenti cutanei maggiori e prevedono un periodo di convalescenza.

Diverse sono le sostanze che agiscono come peeling chimici, le più note sono l’acido glicolico, l’acido salicilico, l‘acido mandelico, l’acido lattico, l’acido piruvico,L’acido citrico, l’acido azelaico,  ecc. Ognuna di queste sostanze ha una specificità di trattamento, sarà il medico che in base al tipo di pelle ed all’inestetismo da trattare sceglierà il più indicato. Recentemente sono stati introdotti in medicina estetica i  peeling composti (associazione tra più principi attivi) in modo da amplificare l’effetto, diminuendo la concentrazione di uno specifico agente e di conseguenza gli effetti indesiderati.

I peeling trovano indicazione  in tutti i casi di crono o photo aging,  e nelle macchie cutanee e nei casi di cute acneica.

Il trattamento avviene attraverso la stesura del principio attivo sulla cute, generalmente con un pennellino, e nella successiva neutralizzazione appena la cute inizia ad arrossarsi.

Nei giorni successivi è necessario trattare la cute con creme idratanti e lenitive e protezione solare (50+).  Raramente si può presentare un esfoliazione cutanea con formazione di croste (soprattutto nel caso di peeling profondi).

Sono necessarie sei o più sedute a seconda dell’inestetismo da trattare a 15 giorni di distanza l’una dall’altra. Raggiunto il risultato desiderato, si possono effettuare delle sedute di mantenimento.

E’ buona norma evitare il trattamento nei mesi estivi e di ricorrere all’uso di lampade abbronzanti durante il periodo di trattamento.

[/et_pb_text]