[et_pb_post_title meta=”off” featured_image=”off” text_orientation=”center” title_font_size=”40px”][/et_pb_post_title][et_pb_text]

La chirurgia maxillo-facciale, è una specialità medico-chirurgica che si interessa delle patologie del distretto cranio-facciale e degli organi ed apparati ad essa correlati.

Le malattie del distretto facciale, come per altri distretti anatomici, possono essere vi varia natura: infiammatoria, malformativa, oncologica, traumatica, atrofica, etc.

Questa branca specialistica nasce al confine ed al completamento di branche come l’odontostomatologia, l’otorinolaringoiatria, l’oculistica, la neurochirurgia e la chirurgia plastica con la quale condivide la conoscenza e la terapia chirurgica per le patologie del distretto facciale.

Le principali branche di interesse del chirurgo maxillo facciale sono:

  • La Traumatologia del volto. Fratture del naso, della mandibola, dello zigomo, del mascellare e fratture multiple delle ossa facciali
  • Le Malocclusioni o malformazioni del volto. Protrusioni mandibolari (progenismi), protrusioni mascellari (prognatismi), asimmetrie facciali, sindromi della faccia lunga (long-face), sindromi della faccia corta (short-face) e quadri malformativi facciali e cranio facciali più complessi e sindromici.
  • Le Atrofie dei mascellari. Ricostruzioni ossee a fini implantoprotesici.

Le Patologie del cavo orale:

  • Neoformazioni benigne (cisti di origine dentale e non)
  • Denti inclusi (disodontiasi dei denti del giudizio, di canini, di premolari)
  • Lesioni precancerose (leucoplachia, eritroplachia, licken)
  • Lesioni traumatiche delle mucose orali da protesi dentali incongrue
  • Frenuli linguali e vestibolari

Le Patologie delle cavità paranasali:

  • Sinusiti mascellari, sinusiti etmoidali e sfenoidali, pansinusiti
  • Comunicazioni e fistole oro-antrali
  • La Chirurgia estetica e funzionale del naso
  • Le Malattie delle ghiandole salivari. Infiammazioni, calcoli, mucoceli, tumori benigni o maligni delle ghiandole salivari maggiori e/o minori
  • Le Disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare

[/et_pb_text]