[et_pb_post_title meta=”off” featured_image=”off” text_orientation=”center” title_font_size=”40px” saved_tabs=”all”][/et_pb_post_title][et_pb_text]

Il grande rialzo del seno mascellare è una procedura chirurgica che si rende necessaria per inserire gli impianti nella parte posteriore del mascellare in quei casi in cui  l’osso è insufficiente verticalmente.

Questa procedura può essere eseguita singolarmente (nei casi di distanza inter-arcata conservata, ovvero quando la cresta ossea alveolare mantiene delle dimensioni verticali adeguate per garantire un corretto rapporto impianto–corona), oppure associata ad innesti di apposizione tipo On-lay (quando la distanza inter-arcata risulta aumentata).

Quando la quantità di osso iniziale è superiore ai 4 mm è possibile eseguire il grande rialzo di seno mascellare con il contestuale inserimento di impianti.

L’intervento chirurgico è si esegue ambulatorialmente, in anestesia locale e permette un immediato ritorno alla vita di tutti i giorni. Potrà esitare un lieve gonfiore. I consigli post operatori riguardano una accurata igiene orale, evitare di soffiare il naso, una dieta morbida per alcuni giorni e una terapia antibiotica.

Questa procedura chirurgica a differenza delle altre metodiche di rigenerazione ossea espone oltre che a possibili insuccessi, a rischi più seri dovuti ad infezione del seno mascellare (sinusiti), fistole oro antrali, ecc. Per tali motivi a differenza delle altre procedure di rigenerazione ossea deve essere effettuata da specialisti che abbiano le competenze non solo per eseguire l’intervento, ma anche per porre rimedio ad eventuali e spiacevoli complicanze.

[/et_pb_text]